top of page

9 qualità + 1 che servono per comportarsi bene con i figli

È naturale voler proteggere il bambino dai sentimenti difficili, ma non sono i suoi sentimenti a costituire un problema, ma semmai è il terrore che i genitori hanno dei suoi sentimenti e delle possibile reazioni.


Per questo motivo eccovi 9 consigli + 1 da dare ai genitori:

  1. Accantonate qualsiasi blocco derivante dalla vostra infanzia per non sentirvi inibiti sul piano del calore umano, del contatto fisico, della presenza e della comprensione;

  2. Create un ambiente domestico sicuro e armonioso nel quale poter elaborare le differenze;

  3. Accettate che vostro figlio abbia bisogno di giocare con persone di tutte le età, di vivere esperienze che lo tranquillizzino, di molto tempo e attenzione da parte vostra;

  4. Cercate di vedere le situazioni dal punto di vista del bambino oltre che dal vostro;

  5. Aiutate il bambino a esprimere i suoi veri sentimenti (invece di quelli che vorreste che lui provasse) e cercate di avvalorare e comprendere le sue sensazioni e le vostre;

  6. Non correte in suo soccorso e non suggeritegli le risposte ai suoi problemi, ma aiutatelo a trovare le sue soluzioni personali grazie allo scambio di opinioni con voi;

  7. Delimitate i vostri confini, definendo voi stessi invece di dirgli come è lui;

  8. Accettate l'idea che commetterà degli errori. Non state sulla difensiva al riguardo e riparate la situazione padroneggiando l'errore e compiendo ogni cambiamento necessario;

  9. Rinunciate a vecchie dinamiche come quella vincente/perdente dedicandovi invece alla cooperazione e alla collaborazione.

Ricordate: subito prima di superare una nuova fase della nostra vita, diamo il peggio di noi. I giovani hanno bisogno di comprensione e sostegno per trovare la loro strada, e spesso l'unico modo che conoscono per esprimerlo è reagire negativamente alla frustrazione. Il più delle volte lo fanno in modo inadeguato rispetto a chi li circonda e alla società in generale, quando in realtà cercano solo un loro spazio all'interno della stessa.

Quando avevo quattordici anni, mio padre era così ignorante che sopportavo a stento di averlo attorno. Ma, a ventun anni, rimasi sorpreso vedendo quanto aveva imparato in sette anni

Mark Twain.


Se sei interessato ad altri consigli su come lavorare con i genitori, segui il nostro percorso completo di formazione per Psicologi e contattaci
19 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page