top of page

Le emozioni del genitore sportivo: cosa fare con ansia e stress

I genitori svolgono un ruolo essenziale nello sport giovanile, non solo investendo tempo e risorse nell'esperienza sportiva dei propri figli, ma fornendo anche supporto emotivo e sicurezza (Fredricks e Eccles, 2004; Dunn et al., 2016; Strandbu et al., 2019). Tuttavia, molti genitori non sono in grado di gestire le pressioni e le emozioni che questo comporta, e denunciano, con l’aumentare delle responsabilità, timori e insicurezze circa la possibilità di mostrare comportamenti che potrebbero avere un impatto negativo sulla carriera del proprio figlio.


Infatti, i genitori riferiscono ansia quando i loro figli sono al centro dell'attenzione, si sentono confusi quando vedono altri genitori litigare e preoccupati quando lo sport ha un impatto negativo sul tempo che la famiglia può trascorrere insieme (Sutcliffe et al., 2020). Inoltre, due terzi dei genitori prova rabbia mentre guarda i loro figli gareggiare (Omli e LaVoi, 2012), e secondo Kovacs e colleghi (2022) questo può dipendere dalle aspettative elevate che hanno nei confronti dello sport e dei loro figli, nonché dall'atteggiamento e dal comportamento di altri genitori e allenatori (Harwood e Knight, 2009). Infatti, anche gli allenatori sono fonte di emozioni negative e stress per i genitori, dove da un lato c’è chi li giudica per le scarse competenze tecniche, e dall’altro chi invece per gli atteggiamenti negativi fuori dal campo (Legg e Rose, 2022).


Ulteriori ricerche hanno suggerito che il livello di stress dei genitori aumenta con l'età dei loro figli, il che può essere collegato alla posta in gioco e ai risultati sportivi (Burgess et al., 2016; Harwood et al., 2010; Wiersma e Fifer 2008). Infatti, il periodo di selezione e specializzazione potrebbe essere fonte di stress sia per l'atleta che per la famiglia (Neely et al., 2017).


Intelligenza emotiva genitori

Secondo Legg e Rose (2021), una spiegazione plausibile per la costante negatività correlata alle emozioni dei genitori è la maggiore pressione nel cercare di essere "perfetti", un'aspettativa diventata un "dovere morale" e che vede il coinvolgimento nello sport come parte di uno sforzo complessivo per far crescere al meglio il proprio figlio (Coakley, 2006; Stefansen et al., 2018).


Dati questi fattori, non sorprende che i genitori provino una serie di emozioni legate al loro ruolo nello sport giovanile. La ricerca esistente supporta anche un legame tra le emozioni di un genitore e quelle del figlio, dove la regolazione emotiva di un bambino si sviluppa nel contesto di relazioni strette, e in particolare tra genitore e figlio (Bell e Calkins, 2000). Inoltre, i genitori non solo aiutano i bambini a elaborare le emozioni, ma quest’ultime possono anche essere trasmesse, ricambiate e coregolate tra genitore e figlio, giorno dopo giorno, attraverso dei modelli emotivi (Butler, 2011). Ad esempio, è attraverso le loro interazioni dopo le competizioni o l'allenamento (ad es., durante il viaggio in macchina verso casa), che i genitori hanno l'opportunità di influenzare il modo in cui il loro bambino elabora cognitivamente e affronta i fattori di stress o le avversità che potrebbe aver vissuto durante il match (Tamminen e Holt, 2012; Tamminen, McEwen, e Crocker, 2016; Neely et al., 2017).


Pertanto, comprendere le emozioni dei genitori e creare programmi che creino esperienze emotive positive per i genitori può essere la chiave per sostenere un'esperienza giovanile positiva. Tuttavia, è importante sottolineare che questo non significa che le persone non dovrebbero sperimentare esperienze emotive, cognitive e comportamentali avverse durante situazioni stressanti (Howells et al., 2017); piuttosto che sarà l'elaborazione cognitiva e la gestione delle difficoltà stesse a determinare percezioni positive di cambiamento e crescita personale nel tempo (Tamminen e Neely, 2016). Una migliore comprensione delle emozioni dei genitori, nonché un lavoro sull’intelligenza emotiva (cioè la capacità di riconoscere, esprimere, comprendere e gestire le proprie e altrui emozioni), potrebbe portare a cambiamenti nel contesto sportivo e a miglioramenti nell'esperienza dei genitori e dei giovani atleti.

Sei un genitore e vuoi migliorare la gestione delle tue emozioni?


BIBLIOGRAFIA

Bell, K. L., & Calkins, S. D. (2000). Relationships as inputs and outputs of emotion regulation. Psychological Inquiry, 11(3), 160–163.

Burgess, N. S., Knight, C. J. & Mellalieu, S. D. (2016). Parental stress and coping in elite youth gymnastics: an interpretative phenomenological analysis. Qualitative Research in Sport, Exercise and Health, 8(3), 237-256.

Butler, E. A. (2011). Temporal interpersonal emotion systems: The “TIES” that form relationships. Personality and Social Psychology Review, 15(4), 367–393.

Coakley, J. (2006). The Good father: Parental expectations and youth sports. Leisure Studies, 25(2), 153–163.

Dunn, C. R., Dorsch, T. E., King, M. Q., & Rothlisberger, K. J. (2016). The impact of family financial investment on perceived parent pressure and child enjoyment and commitment in organized youth sport. Family Relations: An Interdisciplinary Journal of Applied Family Studies, 65(2), 287–299.

Fredricks, J. A., & Eccles, J. S. (2004). Parental influences on youth involvement in sports. In M. R. Weiss (Ed.), Developmental sport and exercise psychology: A lifespan perspective (pp. 145–164). Fitness Information Technology, Inc.

Harwood, C. & Knight, C. (2009a). Stress in youth sport: A developmental investigation of tennis parents. Psychology of Sport and Exercise, 10(4), 447-456.

Harwood, C. & Knight, C. (2009b). Understanding parental stressors: An investigation of British tennis-parents. Journal of Sports Sciences, 27(4), 339-351.

Harwood, C., Drew, A. & Knight, C. J. (2010). Parental stressors in professional youth football academies: a qualitative investigation of specialising stage parents. Qualitative Research in Sport and Exercise, 2(1), 39- 55

Howells, K., Sarkar, M., & Fletcher, D. (2017). Can athletes benefit from difficulty? A systematic review of growth following adversity in competitive sport. Progress in Brain Research, 234, 117-159.

Legg, E., & Rose, J. (2021). Write it out: Examining recreational youth sport parent emotions through an expressive writing exercise. Journal of Park and Recreation Administration.

Neely, K., McHugh, T., Dunn, J. & Holt, N. (2017). Athletes and parents coping with deselection in competitive youth sport: A communal coping perspective. Psychology of Sport and Exercise, 30, 1-9.

Omli, J., & LaVoi, N. M. (2012). Emotional experiences of youth sport parents I: Anger. Journal of Applied Sport Psychology, 24(1), 10–25.

Stefansen, K., Smette, I., & Strandbu, Å. (2018). Understanding the increase in parents’ involvement in organized youth sports. Sport, Education and Society, 23(2).

Strandbu, Å., Stefansen, K., Smette, I., & Sandvik, M. R. (2019). Young people’s experiences of parental involvement in youth sport. Sport, Education and Society, 24(1), 66–77.

Tamminen, K. A., & Holt, N. L. (2012). Adolescent athletes’ learning about coping and the roles of parents and coaches. Psychology of Sport and Exercise, 13(1), 69-79.

Tamminen, K. A., McEwen, C. E., & Crocker, P. R. (2016). Perceived parental support, pressure, and the socialization of adolescent athletes' coping. International Journal of Sport Psychology, 47(4), 335–354

Wiersma, L. D. & Fifer, A. M. (2008). "The schedule has been tough but we think it's worth it": The joys, challenges, and recommendations of youth sport parents, Journal of Leisure Research, 40(4), 505-530.


21 visualizzazioni0 commenti
bottom of page